Ca’ del Bric – Appuntamenti DiVini 2019 Serata 1

Venerdì 15 Febbraio vengono a trovarci Erika e Giuseppe di Ca’ del Bric, cantina biologica piemontese. E in un certo senso tornano a casa, perché intorno al 2000 si sono trasferiti da Bergamo in un paesino fra Ovada e Acqui Terme per ristrutturare un’antica cascina in cima al Bric (collina in piemontese) e riportare a nuova vita i vigneti.

La filosofia produttiva è improntata all’estrema naturalezza, con coltivazione e vinificazione biologica e non utilizzo di solfiti. In maniera davvero estrema! Sarà interessantissimo assaggiare rossi mitici quali il Dolcetto d’Ovada Doc e la Barbera del Monferrato Docg senza solfiti aggiunti, ma anche uno Chardonnay sperimentale. Insomma una serata davvero interessante fra bere e mangiare bene.

Il Menù

APERITIVO DI APERTURA

Tosca Brut Rosé Vite Natural Durante

I NUSÈCC INCONTRANO I RABATÒN

Blanco del Pilar Chardonnay 2018 Senza Solfiti

GNOCCHETTI DI PATATE AL RAGÙ DI TACCHINELLA E PORRI STUFATI

Maynozero Dolcetto d’Ovada Doc 2016 Senza Solfiti

BOLLITO DI RAZZA PIEMONTESE (inserisci chiocciola slowfood) E BAGNET

Quattordici.02 Barbera del Monferrato Superiore Docg 2015 Senza Solfiti

TORTINO ALL’AMARETTO, SORBETTO ALLA PERA E CREMA ALLA ZUCCA

Tosca Kiki Dry Metodo Classico

CAFFÈ CON I BISCOTTI DELLA SALUTE DI OVADA

***

€ 45

Guidi tu? Per te la serata costa € 38 con un bicchiere di vino dei 4 a tua scelta

Promo Notte! Per goderti al massimo la serata, pernottamento in Junior Suite € 45 a persona in doppia. La nostra colazione con prodotti fatti in casa inclusa.

***

Prossimi Appuntamenti

8 marzo: VITICOLTORI VAL PONTIDA
La nostra zona enologica si presenta con il nome storico con cui è conosciuta fin dal Medioevo. Drezza, Driadi, Mezzaripa, Tellurit e Tosca, cinque appassionati produttori racconteranno le diverse espressioni dei vini dell’anfiteatro della Riviera di Pontida.

22 marzo: CASTELLO DI STEFANAGO
“Persone, lavoro, passione” è in sintesi il pensiero della famiglia Baruffaldi, custodi di un borgo in Oltrepò dove il tempo si è fermato: vigneti, boschi, seminativi e il castello. I loro vini biologici e naturali, sono una sorprendente espressione di una zona simbolo dell’enologia italiana.

5 aprile: DR BUERKLIN – WOLF
“Una delle più grandi e qualitative realtà tedesche.” Una vera chicca a chiusura di questo ciclo di appuntamenti, i prestigiosi Riesling biodinamici del Palatinato presentati dal Kellermeister Nicola Libelli, che ci introdurrà questa “weingut” che ha origine nel XVI secolo.

Lascia un commento

*